L' AGOPUNTURA - Dottor Bolognesi Daniele Bondeno (Fe)

L'agopuntura è una tecnica di stimolazione fisica che prevede l’impiego dell’ago, normalmente uno spillo, prodotto per questo impiego, di spessore variabile da 0.15 a 0.40 mm e di lunghezza variabile.
Gli aghi non vengono infissi casualmente, si utilizzano i punti di agopuntura, la cui conoscenza data molte centinaia di anni e che sembrano essere delle zone preferenziali dal punto di vista sensitivo.

Le regole con cui si scelgono i punti risalgono a parecchie centinaia di anni e si rifanno ad un modello energetico-vitalistico diffuso nella cultura orientale.
Esistono diverse tipologie di ago. Quelli da noi utilizzati sono aghi non cavi, sottili, di diversi diametri e lunghezze per adattarsi alle diverse intensità di stimolazione richieste ed ai diversi siti corporei. La punta è smussa in modo da limitare al massimo la lacerazione dei tessuti sottostanti e la superficie rugosa ottimizza gli effetti della stimolazione rotatoria manuale. Il materiale è anallergico e gli aghi utilizzati sono in blister sterili, monouso.

Oggi si conosce approfonditamente come e perché funziona l’agopuntura anche dal punto di vista scientifico e quindi il ricorso a dette regole antiche è sempre meno giustificabile.
Non si usano mai aghi cavi da siringa.

2) Quanto profondamente vengono infissi gli aghi?

La profondità di infissione è variabile a seconda dei diversi siti corporei. Si va dai pochi millimetri dei punti periferici alle estremità (Es: caviglie, polso, dita, cranio) A punti muscolari profondi anche 10cm (Es: glutei).
La profondità dipende anche dallo spessore del pannicolo adiposo del soggetto.
La profonda conoscenza dell’anatomia, presumibile solo in un laureato in medicina fa’ si che sia di fondamentale importanza rivolgersi a medici abilitati alla professione.

3) Perché non si usano aghi cavi per fare l’agopuntura?

Perché gli aghi cavi, avendo tre superfici affilate, tagliano invece di spostare il tessuto come fa lo spillo. Quando pungono, gli aghi cavi tagliano e quindi inducono oltre ad uno stimolo, anche un danno ai tessuti con frequenti ematomi.
Oltretutto, essendo cavi, portano all’esterno delle gocce di sangue che inquinano il lettino e l’ambiente esterno, oltre a permettere anche agli agenti esterni di arrivare in profondità.
Gli aghi cavi costano molto meno ed è per questo che alcuni medici li usano al posto degli aghi di agopuntura: per avarizia!!

Campi di applicazione dell’agopuntura.


L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha individuato un elenco di malattie che potrebbero trovare giovamento dall’uso di questo trattamento:

patologie psichiatriche;
patologie osteo-articolari e reumatologiche;
patologie cardiovascolari;
patologie respiratorie;
patologie gastroenterologiche;
patologie otorinolaringoiatriche e stomatologiche;
patologie dermatologiche;
patologie neurologiche;
patologie ostetrico-ginecologiche;
patologie genitali maschili.



Quando si parla di agopuntura si pensa subito a un ago e a un punto. Dietro a un ago c’è un Uomo e dietro al punto c’è un altro Uomo. Dietro l’Uomo con l’ago c’è il Cielo e dietro l’Uomo che lo riceve c’è la Terra.

Georges Charles

I cinque elementi sono la materia dello yin e dello yang. Lo yin e lo yang sono l'energia dei cinque elementi. Senza materia, l'energia non può mantenersi. Senza energia, la sostanza non può essere messa in movimento. Il movimento è quello dello yin e dello yang.

Zhang Zhongjing